fbpx

Le fasi della risposta sessuale

3 Minuti Lettura

Non solo le stagioni e la vita: anche le fasi della risposta sessuale seguono un ciclo ben definito. Però non tutti sanno quali sono, cosa comportano e quali sono le disfunzioni che possono eventualmente manifestarsi durante i vari step. Proprio per questo motivo, oggi ho deciso di dedicare un approfondimento al ciclo della risposta sessuale.

Quante sono la fasi della risposta sessuale?

Come è articolato il ciclo della risposta sessuale? I passaggi in realtà non differiscono tanto tra uomo e donna e sono solitamente suddivisi in 4 momenti, ovvero:

  • desiderio
  • eccitazione
  • orgasmo
  • risoluzione

Oltre a essere disposte in ordine cronologico, ognuna di queste fasi svolge un compito delicato. Se qualcosa non va in una di queste, non si può passare alla fase successiva. Vediamo ora nel dettaglio cosa avviene singolarmente in uno dei momenti del ciclo della risposta sessuale.

fasi del ciclo sessuale

Il desiderio

Tutto inizia con il desiderio. Possiamo definirlo uno stato di tensione che ci sprona e spinge a raggiungere ciò che amiamo e vogliamo in quel preciso momento. Tutto questo movimento però, resta vincolato alla sfera mentale e non porta ad alcuna manifestazione/stimolo/alterazione visibile nell’apparato genitale maschile.

L’eccitazione

La stimolazione può essere sia fisica sia psicologia. L’una e l’altra creano e spianano la strada alla fase dell’eccitazione. Non esiste una durata precisa per questo momento della risposta sessuale perché sono troppi i fattori in gioco. Per esempio dipende dalla situazione che si è innescata o dal carattere dell’uomo. Ma cosa differenzia gli stimoli psicologici da quelli fisici? I primi sono provocati da fantasie erotiche o da ricordi di esperienze eccitanti.

Invece baci, carezze e palpeggiamenti, sfioramenti delle parti erogene definiscono le stimolazioni fisiche. Quanto abbiamo detto fin qui porta alla vaso congestione: ovvero la concentrazione del sangue in una precisa parte del corpo. Visibilmente causa nell’uomo l’erezione del pene, dei capezzoli, il rigonfiamento dei testicoli e l’innalzamento della sacca scrotale. Ma al tempo stesso questa fase della risposta sessuale accelera il battito cardiaco e aumenta la pressione sanguigna oltre alla tensione muscolare.

stimolazioni fisiche ciclo della risposta sessuale

L’orgasmo

La liberazione: ovvero lo scarico di tutta quella tensione accumulata durante la fase dell’eccitazione. L’orgasmo implica diversi cambiamenti fisiologici, è a sua volta favorito sia da fattori fisici quanto psicologici e si risolve nell’uomo con l’eiaculazione. Quest’ultima è accompagnata dalla contrazione ritmata delle vescicole seminali, della prostata e dei dotti eiaculatori. Tutto ciò spinge il seme nell’uretra qualche attimo prima dell’eiaculazione.

Quando questa si verifica, lo sperma fuoriesce. Le prime contrazioni sono forti, mentre le altre tendono a sfumare. Negli uomini c’è sempre piena consapevolezza/percezione dell’orgasmo che sta per realizzarsi e che non può essere fermato. Non a caso si parla di “inevitabilità eiaculatoria”. Fare l’amore fa bene e non è un segreto. Del resto l’orgasmo comporta sensazioni piacevoli e un leggero obnubilamento, come se il mondo intorno svanisse in un dolce sogno.

orgasmo fase della risposta sessuale

Risoluzione

Come lo dice la parola stessa, subentra nell’ultima vera fase uno stato di rilassamento. L’eccitazione sparisce, la congestione dei vasi si libera, i testicoli si sgonfiano e il pene torna allo stato normale, proprio come il respiro e il battito cardiaco.

In merito al ciclo della risposta sessuale dell’uomo, alcuni aggiungono anche un’ultimissima fase detta “refrattaria”. Si tratta di un lasso di tempo in cui la stimolazione non produce più alcun effetto. Ovviamente la durata varia dall’età anagrafica dell’uomo: nei più anziani i tempi si allungano fino a diversi giorni o settimane, mentre nei giovani si accorciano a poche ore.

Ognuna di queste fasi della risposta sessuale deve funzionare correttamente. Se qualcosa non va, è importante rivolgersi a uno specialista della sessuologia per intraprendere un percorso terapeutico singolo o in coppia e che porterà a comprendere il significato recondito della disfunzione.

Altro da esplorare:

Cos’è la telemedicina? Facciamo chiarezza!

CONDIVIDI Negli ultimi anni, in Italia è progressivamente cresciuta l’attenzione nei confronti della telemedicina, ma è stato solo di fronte all’emergenza causata dal Covid-19 che