fbpx

Heymedico: l’applicazione smart e rapida

3 Minuti Lettura

Rapidità, efficienza e videoconsulti in tempo reale. L’applicazione heymedico rappresenta una svolta epocale nell’ambito della telemedicina perché grazie alla sua tecnologia offre vantaggi sia ai pazienti sia ai dottori che la utilizzeranno. Ma prima di analizzarli da vicino, soffermiamoci sulle caratteristiche di heymedico.

Il consulto a distanza e protetto

Mai come in questo ultimo periodo, la telemedicina è ritornata in auge. Anche perché le code in ambulatorio o negli studi possono presentare problemi di distanziamento, nonostante le dovute precauzioni. Heymedico offre un vero e proprio servizio aggiuntivo di visite da remoto. In questo modo l’utente/paziente non dovrà muoversi da casa, ma potrà ricevere una visita virtuale e al tempo stesso reale dal divano di casa sua. Tutto ciò di cui ha bisogno è un pc/smartphone/tablet per avviare il consulto.

Non si tratta di una semplice e statica conversazione in video. Heymedico consente di effettuare operazioni che ricreano le stesse dinamiche di una visita in presenza. Per esempio, i pazienti possono inviare la cartella clinica, mostrare i referti di una analisi o illustrare allo specialista le ricette mediche. Ma non è tutto: una delle richieste più diffuse degli utenti è quella della privacy. Cioè, il timore che qualcuno possa avere accesso ai propri dati sensibili. Per questo motivo Heymedico ingloba un sistema di crittografia end-to-end che protegge come uno scudo da furti e intromissioni.

UserExperience e Velocità

La web app Heymedico è stata sviluppata con un chiaro obiettivo: l’usabilità, cioè rendere accessibile la piattaforma a tutti, che siano nativi digitali, migranti digitali o non abbiano alcuna dimestichezza con lo smartphone/pc/tablet. Per questo motivo, la grafica e le funzioni dell’app prendono sotto il braccio il paziente e con schermate intuitive e facili da comprendere lo accompagnano nel processo di prenotazione.

Heymedico è una web-app. Oltre all’estetica e alla funzionalità, ha il grande pregio di essere snella e veloce. Tradotto: molti utenti devono fare i conti con la problematica della gestione dello spazio sullo smartphone e per questo motivo manifestano una certa resistenza a scaricare una app. Quella di heymedico, però, si installa da qualsiasi browser, è light, non occupa spazio e al tempo stesso offre alte performance di velocità.

I vantaggi di heymedico per i pazienti

Non muoversi di casa, ricevere un consulto rapido, un secondo parere o una vera e propria video-visita con un specialista che vive a tanti km di distanza. Oppure poter continuare un percorso di analisi anche durante trasferimenti improvvisi o trasferte. Ecco, heymedico offre una grande occasione per venire incontro a queste esigenze.

Potrebbe interessarti: 4 motivi per scegliere uno psicologo online

Puoi prenotare nell’ora e nel giorno che preferisci. E puoi fare tutto questo in pochissimi passaggi: per questo avrai sempre a portata di mano, pardon, di click tutti i dottori di heymedico. Senza dimenticare la possibilità di contattare via chat il tuo specialista per avere ulteriori ragguagli e chiarimenti.

I vantaggi di Heymedico per i dottori

Anche per uno specialista questa piattaforma è un’ottima soluzione sia per estendere la propria rete di pazienti, sia per restare in contatto con quelli storici. L’iscrizione a Heymedico è assolutamente gratuita. Oltre alle video-visite e ai consulti, l’app mette a disposizione nel backend un vero e proprio gestionale per razionalizzare il tuo lavoro.

Potrai organizzare in un unico spazio tutte le informazioni sui tuoi pazienti, filtrarle, aggiungere file come cartelle cliniche, schede di anamnesi e ricettario eventualmente condiviso dagli utenti. La gestione è semplificata e si riduce a poche e semplici operazioni drag & drop e di upload.

Insomma, cosa aspetti? Entra subito in Heymedico

Altro da esplorare:

Cos’è la telemedicina? Facciamo chiarezza!

CONDIVIDI Negli ultimi anni, in Italia è progressivamente cresciuta l’attenzione nei confronti della telemedicina, ma è stato solo di fronte all’emergenza causata dal Covid-19 che